in "Africa"

Articolo. Moataz Nasr

Inserito da iopensa il Lun, 2003-09-01 12:00

Licenza Creative Commons
Moataz Nasr by Iolanda Pensa is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License.

Versione originale di L’Egitto a Venezia in “Africa”, n. 5, settembre-ottobre 2003, p. 24.

Moataz Nasr ritrae l’Egitto e la sua gente. I colori sono quelli della sua terra, gli spazi sono il caos della città. Il Cairo diventa sulle sue tele un insieme di macchie: panni stesi ad asciugare, tetti di case, gente seduta a chiacchierare. I soggetti si intuiscono, non si vedono, sono sciolti sulla tavolozza, affettuosamente accarezzati dal pennello. Nelle installazioni Moataz Nasr crea invece degli ambienti che raccontano storie di fragilità, indifferenza e solitudine. Prende pochi elementi e con semplicità li ripete, per rendere il suo linguaggio internazionale, comprensibile e poetico.

Articolo. Nuove tecnologie a Dakar

Inserito da iopensa il Lun, 2003-09-01 12:00

Versione originale di Senegal on-line: Internet invade Dakar in “Africa”, n. 5, settembre-ottobre 2003, pp. 5-7.

Un tempo nella capitale del Senegal i computer erano soprattutto un simbolo di lusso. La ricchezza si ostentava sulla scrivania, mostrando macchinari occidentali spenti, ma ben spolverati e lucidi. Pochi sapevano come usarli, pochi si arrischiavano a rovinarli e pochi possedevano un’attrezzatura realmente funzionate. Oggi l’informatica è parte della vita di Dakar: i computer sono accesi e nuovi cybercafé, centri di formazione e spazi multimediali hanno aperto le loro porte.

Articolo. Arte contemporanea africana ed i suoi giovani artisti

Inserito da iopensa il Lun, 2003-06-30 12:00

Licenza Creative Commons
Arte contemporanea africana ed i suoi giovani artisti by Iolanda Pensa is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License.

Versione originale di L’Africa? Uno straordinario mosaico di artisti in “Africa”, n. 4, luglio-agosto 2003, pp. 10-13.

Gli artisti africani si esprimono con tutte le tecniche e con tutti gli stili: raccontano le loro mille Afriche e la contemporaneità di un continente che è estremamente vario e vivace.