Testi sulla cooperazione

The power of Wikipedia: Legitimacy and territorial control for the PMS Reader

Inserito da iopensa il Gio, 2012-12-06 14:33

Original version of the article The Power of Wikipedia: Legitimacy and Control in “PMS Reader Power Money Sex”, Chimurenga and Open Society Institute of Southern Africa, 2012. Article published.

The widest and most astonishing contemporary global source of information has the power of a new nation, but it acts as an old one. Skip to session 5 if you just want get the point.

1. Wikipedia


Do you know Wikipedia? It is quite easy to cross Wikipedia by searching the Internet. With almost 500 million readers in over 280 linguistic editions, Wikipedia is our universal textbook. Many people read it, but not as many know how it works. Wikipedia is a collaborative encyclopedia, written by volunteers and which anyone can edit.

Actually Wikipedia is an inexplicable product of our century and a very interesting subject for studies. To make it extremely short, research has been focusing on exploring Wikipedia history, contents and structure, but very little has been said about its geopolitical power.

2. Where we are


For more than half a century, many intellectuals have been working to screw-up a knowledge system which is unable to represent the world we live in. Thanks to them, we have now words we can not ignore: connections, borders, contact zones, perspectives, identity, otherness, eurocentrism, intercultural, multicultural, network, porosity, post-colonialism, globalization, power. It is essential at least to thank some of the people who have showed us a different way of seeing and studying the world, people such as Michel Foucault, Edward Said, Frantz Fanon, V.Y Mudimbe, Homi K. Bhabha, Arjun Appadurai, Achille Mbembe, Jean-Loup Amselle, Bruno Latour, Marc Augé, Saskia Sassen, James Clifford. But also many artists have contributing with their artworks to theory.

We need to rewrite history. This is probably the most violent summery of our time, regularly invoked by the artist Rasheed Araeen, who leads us a major question: how to rewrite history? We are not talking about revisionism, but about the true necessity of a collaborative effort in representing the world we live in, to contextualize information, to analyze it through an historiographical approach and to document the different and major points of view.

3. Wikipedia as a knowledge system


Even if the very concept of an encyclopedia can be questioned as a XVIII century European child, the idea of free encyclopedia that anyone can edit is inclusive and dynamic. The 5 pillars – the fundamental principals beyond Wikipedia – emphasize its role as a reference, the respect for sources and for the community, and the acknowledgement that mistakes are part of the process. Words associated to Wikipedia (free culture, open collaboration, networked social production, open source production, peer-production, crowdsourcing, wikinomics) emphasize it as an active, open and inclusive space. Wikipedia is not only a collaborative production space for knowledge, but it is also the contemporary platform where it is possible to make this new knowledge fully accessible and mainstream.

4. Imagine a world in which every single human being can freely share in the sum of all knowledge


Wikipedia is a complex archipelago, but what is striking is that the most innovative encyclopedia is in reality incredibly traditional.
Mark Graham with the Oxford Institute, and authors such as Heather Ford, Maja van der Velden and Achal Prabhala have already highlighted the limits of its system. The way Wikipedia contents portrait the world reproduces the way the world believes to know itself. Also on Wikipedia Africa is empty and dark. Slowly even the community is realizing how contents are filtered in a way which considers a good portion of human knowledge spam. What it is still missing though are studies on Wikipedia nationalism.

5. Wikipedia nationalism


On one side Wikipedia foster nationalism; on the anther side the growing power of Wikipedia is transforming it into a new nation. Languages, monuments, education and territorial control are tools for nation building and looking at them from a Wikipedia perspective allows us to focus on some of its macro dynamics.

1) Language is a central aspect of nation building and it is an essential space for the definition, affirmation and construction of borders and identities. The emphasis Wikipedia puts on developing Wikipedia editions in local languages underestimates the meaning and the implications of this process. Wikipedia considers linguistic editions as an essential tool to provide easier and full access to knowledge, and to preserve languages. But languages are also a political and ideological tool. They are used to strengthen independent movements and to nourish ethnic conflicts. For instance, supporting Wikipedia in Wolof is not a bad thing, but it is necessary to also be aware of its ethnic, social and political repercussions.

2) The identification of monuments, heritage and landmarks is another important dynamic of nation and history building, which Wikipedia is reinforcing in particular in the last few years with the project Wiki Loves Monuments. Nations build, promote and invent the symbols of their history and power. A the same time they destroy, select and reinterpret the symbols of former powers to make room for their sovereignty. The very concept of heritage is not innocent; heritage is something which belongs to those “who were already here” and not to those “who just arrived”.

3) Schoolbooks have a determinant role in educating nations and creating a common history. Wikipedia is our today world schoolbook and it has a major responsibility in directing knowledge. The growing distribution of offline editions of Wikipedia in particular in the so-called global south it is also something to be aware of, since it completely reinterprets the very concept of a free encyclopedia anyone can edit.

4) Wikipedia is structured online into a foundation and a series of chapters, which have the role of supporting and aggregating Wikipedia community at a national scale. The fact that Wikimedia Foundation is based in the US and it is regularly accused to impose a US-centric cultural model. Wikipedia in English is the largest Wikipedia version and it is permanently distancing all other linguistic editions.. Wikimedia chapters claim their role in providing a more balanced cultural approach and in managing decentralized outreached programs. In realty Wikimedia chapters foster nationalisms. The growing number of institutions willing to contribute to Wikipedia – also in countries without Wikimedia Chapters – is making issues of legitimacy and territorial control becoming even more evident. Institutions can not edit Wikipedia as institutions, and they usually ask for someone who can present and represent Wikipedia; for this reason they are managed on a territorial basis and Wikimedia chapters have a major role in facilitating those collaborations. Through those new collaborations Wikimedia chapters are gaining a specific national role and they are reinforcing their legitimacy in representing Wikipedia both outside and inside their organization.

6. Imagine a world in which every single human being can freely share in the sum of all knowledge


To conclude, Wikipedia offers a new and important frame to build and negotiate knowledge and history. Thanks to its pillars, it is space to contextualize knowledge, to provide background information, to create links, to add multiple categories, to follow an historiographic approach, to acknowledge different critical discourses and to correct mistakes. Considering its power, it is not possible to ignore or avoid Wikipedia. But to truly take advantage of its active, open and inclusive utopia, it is necessary to be aware of its nationalisms and its geopolitical power.

Where People are Knowledge in Chimurenga Chronicle

Inserito da iopensa il Gio, 2011-10-06 14:48

Original version of the article Where People are Knowledge in Chimurenga Chronicle 18-24 May 2008, Another Section* Media & Technology/People are Knowledge, October 2011 (predated 18-24 May 2008), p. 11. Reading list.

Where People are Knowledge. After the Wikipedia Academy organized in Johannesburg in October 2007, intellectuals and authors are now questioning the relationship between Wikipedia and Africa.

What can an online collaborative encyclopedia offer Africa and what can Africa provide? In 2005 architect Mamadou Jean Charles Tall proposed a presentation at Wikimania in Frankfurt titled WIKI Africa and he wrote colleagues and friends “I believe [Wikipedia] is a good opportunity to create contents available to anyone and that we can edit by ourselves. I trust each of us is concerned with the creation of contents belonging to Africa” (C’est à mon sens une bonne opportunité de créer un contenu qui soit disponible et qui soit éditable par nous mêmes. Je crois que la création de contenus propres à l’Afrique est dans les préoccupations de tous). Last October the founder of Wikipedia Jimmy Wales preached in Johannesburg the African participation to the biggest no profit volunteer-based ever existing project on open knowledge and he was welcomed with great enthusiasm. Internet evangelists foresaw a glorious future with an online rainbow of encyclopedias written in all existing and extinct African languages and predicted millions of former copyright pirates transformed into committed panafrican editors fighting for open data and copyleft. Six months later problems got the upper hand.

Some say a fight started between the committed panafrican editor and the dominant thirty-year-old western white male with a scientific training editor. Articles on African knowledge were delated on Wikipedia because unnotable. Unsourced content was delated because unsourced; sourced content was delated because unnotably sourced. Everybody knew since the beginning that to access and contribute to Wikipedia either you need a computer with a stable Internet connection or some sort of cheap futuristic portable device, but very few foresaw that sources would emerge as the major battlefield.

On Wikipedia no original research can be used. To explain it very simply you can’t write on Wikipedia that in Senegal there are lots of baobab even if you are in Senegal and you see lots of baobabs; you need to find a book where it is written it (or you need to publish a book on it), and then you can write it on Wikipedia by carefully avoiding plagiarism and by adding a footnote with the proper bibliography and page number. Published paper books with an online digital version are the preferred source on the online encyclopedia, followed by articles published on major New York City and London based newspapers.

To go back to the baobab, this means that in Senegal with lots of baobabs, with a computer, a stable internet connection and the necessary skills to edit Wikipedia, you still need to find the fucking book. Until you write about baobabs, you can trust a book on the subject exists at least for touristic reasons, but things get more complicated when you approach other subjects. You need to find the written source, but you also need that it exists. Furthermore if the source you cite is not available online and if the publisher is not well known, the problem that may arise is that someone on Wikipedia can question the real existence of what you are citing.

Achal Prabhala – editor of the magazine Civil Lines, copyleft activist and member of the Wikimedia Foundation advisory board – is advocating the opportunity of accepting oral citations on Wikipedia. Books are based on interviews; by collecting, recording and uploading them – according to Achal Prabhala – those sources could greatly contribute to develop encyclopedic knowledge in the “Global South” (rumors say that this expression carried away Wikimedia Foundation, even though it divides the world and mankind into two and an article published on the magazine Nature states that in June 2005 its mentioning caused the death of 14 kittens in Bogota). A research and a video production on oral citation with the institutional and economic support of Wikimedia Foundation would be an essential step to lobby for a new definition of sources and notability on Wikipedia. Another important strategy to facilitate the relationship between Wikipedia and Africa could be the production of a critical mass of African contents produced with the commitment of cultural institutions. Unfortunately this is not the best timing, since Wikipedia Foundation is under one of the most turbulent period of its existence with the nomination of its first executive director and the current crisis of its board of trustees. The energy raised by the Johannesburg Wikimedia Academy will probably get lost and it will take time before an outreach program will be implemented but we are not so far from the day Wikipedia will take Nairobi, when 30.000 African contributions will be produced and people will be willing to donate millions of dollars to support an encyclopedia that anyone can modify to win a bet.

Millennium Goals e lamentele

Inserito da iopensa il Mar, 2006-11-28 13:42

Testo presentato alla Fondazione Adriano Olivetti, Roma, 27 novembre 2006 in occasione di New Crossroads su invito di Rossella Biscotti.

New Crossroads – Presentazione del nuovo lavoro di Rossella Biscotti & Kevin van Braak. Il video, realizzato all’interno di una township a Citta’ del Capo in Sud Africa, documenta il lavoro di un gruppo di ragazzi intenti a costruire, in una giornata, una struttura dalle caratteristiche fortemente
contemporanee. Ne discutono le curatrici Cecilia Canziani e Iolanda Pensa.

Il video New Crossroads di Rossella Biscotti e Kevin van Braak


Il video New Crossroads di Rossella Biscotti e Kevin van Braak è un’opera. Un’opera video a tutti gli effetti. Con questo intendo dire che per essere compresa e/o apprezzata, l’opera di Rossella Biscotti e Kevin van Braak non ha bisogno di essere contestualizzata: non è necessario tracciare la storia e le fasi della collaborazione che ha permesso la sua realizzazione, non è necessario conoscere il contesto all’interno del quale è stata prodotta e non è nemmeno necessario sapere cosa c’entra il Sudafrica e l’Africa con tutto questo. Il video New Crossroads è un’opera, come dicevo. E devo ammettere che proprio questo è il motivo per il quale trovo questo lavoro particolarmente interessante. Ma è anche il motivo per il quale questo lavoro ha suscitato reazioni così conflittuali a New Crossroads e Cape Town.

Arte e Millennium Goals


Una volta parlando con Rossella mi lamentavo dei Millennium Goals. Mi lamento sempre dei Millennium Goals. I Millennium Goals sono – come saprete certamente – gli otto obiettivi del millennio che le Nazioni Unite vogliono raggiungere entro il 2015: sradicare la povertà e la fame estrema, ottenere l’educazione primaria per tutti, promuovere la parità tra i sessi, ridurre la mortalità infantile, combattere l’HIV/AIDS eccetera eccetera. Questi sono anche gli obiettivi che moltissimi progetti artistici realizzati in Africa si prefissano di raggiungere. Peccato che questi siano sostanzialmente una lista di problemi da risolvere e l’arte non ha l’obiettivo e non deve avere l’obiettivo di risolvere dei problemi.
Abbiamo una parete vuota sopra il camino e ci piacerebbe un’immagine con dei cavalli che la riempia; abbiamo la cupola di una chiesa che avrebbe bisogno di un po’ di colore e cerchiamo una persona che l’affreschi; abbiamo un quartiere con un tasso estremamente alto di criminalità e vogliamo qualcuno che possa animare i giovani per toglierli dalla strada. Questi sono i nostri problemi, non quelli degli artisti; se lo diventano, quello che otterremo è un po’ di decorazione.
L’approccio basato sul problem solving è in assoluto l’approccio più diffuso nelle politiche sociali, ma non solo, anche in quelle culturali. Se si osservano i formulari dei finanziamenti – in particolare quelli destinati all’Africa – si legge che per prima cosa il candidato deve contestualizzare il progetto e deve spiegare quali bisogni soddisferà. Fioriscono così progetti che si iscrivono armoniosamente nel cammino verso il raggiungimento dei Millennium Goals. Organizziamo una biennale per formare un nutrito gruppo di persone ai mestieri culturali e per permettere agli artisti africani di iscriversi all’interno del mercato dell’arte internazionale, riducendo la povertà e migliorando la formazione della popolazione (sto parafrasando gli obiettivi della Biennale di Dakar); organizziamo un progetto nel difficile e degradato quartiere di New Crossroads per migliorare le condizioni abitative degli abitanti (e sto parafrasando le finalità dell’organizzazione Public Eye di Cape Town). Tutto diventa un progetto di sviluppo, almeno sulla carta.

Questo aspetto della carta è veramente fondamentale. Personalmente credo che sia totalmente leale e sensato scrivere i progetti per soddisfare i requisiti e le richieste degli enti finanziatori. Si adatta il linguaggio alle richieste che ci vengono fatte e soprattutto si adatta il linguaggio all’approccio politico di chi ci finanzia. La realtà è che quando si è una piccola organizzazione non si ha la forza (né amministrativa né finanziaria) per poter negoziare delle nuove politiche di finanziamento. Per questo motivo è sensato adattare il nostro linguaggio, sulla carta. Nella realizzazione del progetto si ha poi la libertà di agire e produrre rimanendo bene ancorati al NOSTRO approccio senza dover necessariamente adottare letteralmente un sistema basato sul problem solving. Forse questa questione del mio odio profondo per il problem solving e per i Millennium Goals merita ancora due parole.

L’esempio di doual’art


L’esempio che trovo più emblematico e chiaro è quello dell’organizzazione e centro d’arte camerunese doual’art.
doual’art si occupa dal 1991 – ben da 15 anni – di interventi urbani e azioni sulla città di Douala. Douala è la città più grande dell’Africa Centrale, è una città portuale ed è una città abbastanza grande (circa 3 milioni di abitanti, ovviamente minuscola rispetto al Cairo o a Lagos che ne hanno ben oltre 10 milioni). Il lavoro di doual’art è particolarmente interessante per l’approccio e la consapevolezza che mostra.
doual’art ha lavorato negli ultimi anni in particolare nel quartiere di Bessengue, una favela a tutti gli effetti vicinissima al centro, e collocata in una specie di valletta inondata regolarmente durante la stagione delle piogge. Bessengue è praticamente la summa dei problemi elencati nei Millennium Goals: ce li ha tutti. Non ha fognature, strade, sistema elettrico e acqua corrente. Ha una mortalità infantile altissima, un ambiente insalubre, un profondo ancoraggio a tradizioni che rilegano donne e giovani alla condizione di spettatori passivi, senza il diritto di potersi esprimere all’interno delle assemblee di quartiere. Non avere strade significa non avere camion che ritirano l’immondizia e non poter avere fognature. Non avere fognature e acqua corrente significa una diffusione spaventosa di epidemie, colera e dissenteria tra i bambini, che ovviamente sono sempre i più fragili e i primi a morire. E non avere elettricità e illuminazione vuol dire un numero sconvolgente di violenze sessuali.
Se uno osserva dall’esterno la situazione di Bessengue la prima cosa che viene istintivo pensare è che bisogna costruire la strade, le fogne, mettere la luce e l’acqua corrente: incamminiamoci insieme alle Nazioni Unite verso un mondo migliore. Ma la questione non è così semplice. Le questioni non sono mai così semplici. Il terreno sul quale sorge Bessengue appartiene al governo e il governo non ha nessun intenzione di mettere i servizi di base: vuole che la gente vada a vivere da un’altra parte, non vuole avere una favela di fianco al centro amministrativo in una zona che se edificata decentemente potrebbe rendere denaro. La gente di Bessengue d’altra parte non ha nessuna intenzione di spostarsi, abita lì da 12 anni e lì ha la sua casa e la sua comunità. Stiamo anche parlando di un governo che certo si fa un po’ fatica a definire democratico, uno dei più corrotti del mondo, dove il nuovo sindaco di Douala è stato nominato (non eletto) e dove i giornalisti spariscono o vengono picchiati ferocemente dalla polizia quando osano insinuare che forse non va proprio tutto bene.
I progetti culturali non sono sostenuti dal governo del Camerun e per questo – paradossalmente – godono di molta libertà. Gli artisti e le organizzazioni culturali – per quanto con molte difficoltà economiche – possono quindi ritagliarsi uno spazio d’azione.
doual’art produce interventi urbani a Douala e lo fa per migliorare le condizioni di vita dei suoi abitanti, ma non non utilizza un approccio basato sul problem solving. Quello che fa non è occuparsi dei problemi, ma delle aspirazioni. Gli artisti sono coinvolti nei progetti sia nella produzione di opere sia nella realizzazione di infrastrutture sia come facilitatori. Come facilitatori gli artisti partecipano attivamente alle riunioni con la comunità e le organizzazioni locali, e quello che fanno è essenzialmente creare confusione: trasportano le discussioni in un altro mondo che funziona con altre logiche e che ha altre finalità, e in questo modo permettono alla gente – compresi donne, giovani e bambini – di esprimersi liberamente. Nel caso in cui si costruiscano o si rinnovino delle infrastrutture viene chiesto agli artisti di lavorare su alcuni elementi di queste influenzando il progetto e la sua estetica. Quando invece gli artisti sono invitati a produrre delle opere, sono semplicemente invitati a fare quello che vogliono, ovvero il lavoro. L’idea è che l’opera – come credo appunto dovrebbe essere – non ha l’obiettivo di risolvere dei problemi, ma di fare altro. Proprio nel senso di “fare altro”. Rompere delle logiche consolidate, portare su altre strade, distrarre dal contesto per permettere di osservarlo con altri occhi.

Fare il proprio mestiere


Rossella Biscotti e Kevin van Braak hanno fatto questo: hanno fatto il loro mestiere, hanno prodotto un’opera e l’hanno creata liberamente, restando coerenti con il linguaggio e con il loro modo di lavorare. Non si sono incamminati insieme alle Nazioni Unite verso un mondo migliore. E non hanno improvvisamente deciso una volta arrivati a New Crossroads che – visto il contesto – era meglio lasciar stare quello che fanno di solito, aiutare e investire diligentemente per partecipare alla realizzazione dei Millennium Goals. La sindrome del buon samaritano pare sia una malattia che si prende rapidamente quando si mette piede sul continente africano e la sindrome dei buoni sentimenti politically correct pare che sia ancor più contagiosa in Sudafrica. Stiamo della Rainbow Nation, la nazione arcobaleno, la nazione che più di tutte ha investito sull’immagine (e ripeto – sull’immagine) di un mondo migliore. Intervistando curatori, critici, architetti e artisti nel mio ultimo viaggio a Cape Town le espressioni che ho sentito ripetere più spesso sono due “it’s a problematic issue” (è una questione problematica) e PC. PC sta per Politically Correct, politicamente corretto. Una nazione in cui si è diffusa una sigla per dire Politically Correct a me dà immediatamente l’impressione che ci sia qualcosa che non va. Essere Politically Correct è talmente prioritario da offuscare semplicemente il resto. Il paese è così lanciato nel cammino verso un mondo migliore che tutto sembra dover partecipare.

Come dicevo all’inizio, una volta parlando con Rossella mi lamentavo dei Millennium Goals. Ero amareggiata da come si chiedesse a tutto – compresi i progetti artistici – di risolvere i problemi: favorire il dialogo interculturale (gli immigrati o le persone “di origini diverse” sono ovviamente considerate dei problemi), coinvolgere e animare gli abitanti dei quartieri (il successo dei progetti viene solitamente contabilizzato dei finanziatori contando il numero dei partecipanti e il coinvolgimento di un vasto pubblico) e aderire all’iniziativa delle Nazioni Unite. Tutto senza pensare che la gente – anche in Africa, anche a New Crossroads – è mossa dei sogni, dalle aspirazioni, dal bisogno di qualcosa di eccezionale. “E un artista costa meno di un sociologo o del circo” – mi ha risposto Rossella.

For granted

Inserito da iopensa il Ven, 2006-01-27 12:28

One of the limits of sustainable and co-operation projects is that they give for granted that people (the target) don’t have a sense of humor.

( categories: )

Methods 2006 - Asiles NGO

Inserito da iopensa il Ven, 2006-01-27 12:08

Wanda Hoesch


10 persone lavorano sul progetto. sono tutti volontari.
Lavorano in campi profughi in Libano. Sono in maggioranza palestinesi. Sono stati sostenuti dalla European Cultural Foundation, dall’UNESCO e da alcune organizzazioni e fondazioni francesi.

Rym Morgan

parla un po’ come Moataz, con la voce bassa. Fa una bella impressione.
I rifugiati hanno uno statuto senza diritti: non possono lavorare, non possono possedere una casa, non hanno passaporto, non hanno il diritto di votare nel loro paese, non possono creare un’associazione, non possono lavorare come liberi professionisti, possono studiare ma non è facile e possono lavorare in nero.

Cooperazione e sviluppo

Inserito da iopensa il Mar, 2004-10-12 22:09

Mi sa che ho dei problemi sia con il concetto di cooperazione sia con quello di sviluppo.