Senegal - Diario, recensioni e materiale di ricerca

Articolo. Dak'Art 2004 (Domus)

Inserito da iopensa il Ven, 2004-06-18 01:38

Licenza Creative Commons
Dak’Art 2004 by Iolanda Pensa is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License.

Versione orginale dell’articolo pubblicato su “Domus” numero 871, giugno 2004.

La proprietaria mi osserva incredula: la ragazza che era seduta al tavolo con me sta fotografando la turca del ristorante, “un buco” – urla – “formidabile!”. Ci emozioniamo più del ragionevole di fronte alle cose che vediamo per la prima volta.

Introduzione alla tesi di laurea "La Biennale di Dakar"

Inserito da iopensa il Ven, 2004-06-11 04:15

L’oggetto di questo studio è la Biennale di Dakar, che dal 7 maggio al 7 giugno 2004 presenterà la sua sesta edizione. Dak’Art – come è chiamata la manifestazione dal 1996 – è nata grazie all’impegno del governo senegalese ed è il principale appuntamento mondiale d’arte contemporanea africana; la sua fama è estremamente cresciuta negli ultimi anni, insieme all’interesse internazionale verso la produzione di artisti provenienti da paesi “non occidentali”.

Bibliografia sulla Biennale di Dakar

Inserito da iopensa il Mer, 2004-06-09 04:05

africa-peters-base-dakar.JPG

Bibliografia sulla Biennale di Dakar usata per la mia tesi di laurea e ora ampliata e aggiornata con i nuovi testi che possiedo e che ho studiato.

Suddivisione: – Cataloghi – Documenti – Saggi e articoli – Siti Internet


Cortometraggio Banc Jaxxlé

Inserito da iopensa il Mer, 2004-05-26 08:33

Banc Jaxxlé (La panchina dell’inquietudine). La parola Jaxxlé si pronuncia con la j francese di “je”, mentre le “x” hanno un suono gutturale.

Cortometraggio di 8 minuti
Paese: Senegal/Africa
Ambito culturale: fiction, educazione
Regia: Massamba NdiayeProduzione: “Les productions du Quartier”, Media Centre ForutTarget: giovani e famiglieLingua: francese e wolof
Tema in Glocal Youth: essere giovani ed essere altriProdotto da giovani per giovani

Il cortometraggio “Banc Jaxxlé” (che in wolof significa la panchina dell’inquietudine) è una fiction di otto minuti in cui si racconta il sogno dei giovani africani di emigrare verso l’Europa e l’America. Le speranze dei ragazzi si confrontano con la tragica storia di Bouna Wade (il ragazzo senegalese morto cercando di emigrare nascondendosi nel carrello di un aereo) evocata da un articolo di giornale e con legislazione internazionale che tende ad ostacolare l’immigrazione.

3x3 - The Official United States participation in Dak'Art 2004, la Biennale di Dakar off 2004

Inserito da iopensa il Mer, 2004-05-19 02:26

david-donne-camminano-600.JPG

L’esposizione 3×3 è composta – come lascia ben immaginare il nome – da tre progetti realizzati da tre artisti: Pamela Z, Maria Magdalena Campos-Pons e David Hammons.