Egitto - Diario, recensioni e materiale di ricerca

Youssef Nabil (catalogo)

Inserito da iopensa il Mar, 2002-01-01 22:16

youssef-nabil.JPG

Youssef Nabil, testo di Richard Woffenden, Townhouse Gallery, 2002.


Articolo. Arte contemporanea al Cairo

Inserito da iopensa il Mar, 2002-01-01 12:00

Licenza Creative Commons
Arte contemporanea al Cairo by Iolanda Pensa is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License.

Versione originale di Il Cairo, tra antico e contemporaneo in “Tema Celeste”, gennaio/febbraio 2002, n. 88/89 pp. 116-117.

Il Cairo cresce e cambia senza pause né organizzazione. Un cantiere aperto che sovrappone il nuovo al vecchio, restaurando poco e allargando a dismisura i confini della città: l’arte fa lo stesso.

Articolo. Intorno alla Biennale del Cairo

Inserito da iopensa il Ven, 2001-06-01 12:00

Licenza Creative Commons
Intorno alla Biennale del Cairo by Iolanda Pensa is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License.

marcela-moraga-playmobil-600.JPG

Versione originale con aggiunte delle immagini di Biennale del Cairo in “Flash Art”, anno XXXIV, n. 228, giugno-luglio 2001, p. 137.

Marcela Moraga, Playmobil. Partecipazione cilena alla Biennale del Cairo 2001. Courtesy dell’artista, Il Cairo 2001.


Articolo. Il Cairo brulica

Inserito da iopensa il Ven, 2001-06-01 12:00

Licenza Creative Commons
Il Cairo brulica by Iolanda Pensa is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License.

Versione originale di Arte contemporanea/Primavera creativa. Il Cairo brulica. in “Nigrizia”, anno 119, n. 6, giugno 2001, pp. 45-46.

Otto edizioni per la Biennale del Cairo (quest’anno dal 15 marzo al 15 maggio), un gustoso appuntamento per scoprire che l’arte in Egitto è viva e contemporanea, anche fuori dalla Biennale.

London Nomad

Inserito da iopensa il Gio, 2001-03-15 03:00

nvisible-london-3-600.JPG

L’esposizione London Nomad ha portato al Cairo un gruppo di artisti britannici: tra gli altri Marc Quinn (con mani di pane fabbricate sul posto), Sam Taylor-Wood (“Five Revolutionary Seconds XII”), Georgina Starr (con il video Crying), Gary Hume, Adam Lowe e Paul Morrison. Le opere fanno parte di una collezione che viaggia, The Nvisible Museum: opere di piccole dimensioni (forse troppo trasportabili) che vengono prestate e mostrate all’estero in edifici storici (al Cairo nel quartiere islamico, all’interno di un palazzo ottomano). I lavori più significativi in questo disegno espositivo sono “Nothing” (nelle foto) e “Pool”, due lavori di Mark Pimlott: un quadrato di acciaio inossidabile e una lastra di vetro verde; giocando sui riflessi, le due opere arricchiscono l’ambiente e vengono arricchite dai dettagli decorativi del palazzo ottomano.


William Wells, Il Cairo 2001

Inserito da iopensa il Dom, 2001-03-11 22:22

Intervista a William Wells responsabile della Galleria Townhouse Gallery del Cairo www.thetownhousegallery.com. Intervista realizzata al Cairo l’11 marzo 2001. Appunti.

Medhat Shafik, Milano 2001

Inserito da iopensa il Mer, 2001-02-21 23:05

Intervista a Medhat Shafik. Milano 21 febbraio 2001.