Dubbi

Reversibilità

Inserito da iopensa il Mar, 2008-01-22 07:51

Matteo adora stare in un magazzino. La casa, prima che venissimo a viverci, non poteva essere altro. Ci ho messo anni a riformattare l’ambiente. Con molti limiti certo, ma almeno era un’abitazione. In fondo basta fastweb per avere l’abitabilità. Ma ora ci risiamo. Siamo tornati in un magazzino. Mi domando se è un processo reversibile.

( categories: )

Ordine e disciplina

Inserito da iopensa il Mar, 2008-01-22 07:47

Mi è basato entrare in casa per ripresentare tutti i sintomi. Dovrei lasciare di fianco alla porta d’ingresso dei sacchetti di carta marrone. Guardo i giornali ancora ancorati alla lampada della biblioteca e respiro nel sacchetto di carta. Guardo i libri ammonticchiati e piegati gli uni sugli altri in cima all’armadio sopra altri libri e respiro nel sacchetto di carta.

( categories: )

Immigrati

Inserito da iopensa il Mer, 2008-01-16 18:53

La lavastoviglie svizzera di Marianna e JP ha un programma fonduta.

( categories: )

Never ending

Inserito da iopensa il Mer, 2008-01-16 18:40

Non finisce mai. Non finisce mai. Imbianchiamo. Imbianca. Imbiancano. Tutto si ricopre di uno strato di polvere e vernice. Osservo ogni oggetto come quando sfogliavo il libro con le parole in inglese: ad ogni pagina una paperella gialla. Se guardi bene trovi una paperella gialla nascosta tra due figure, mascherata dietro a un albero. E invece no.

( categories: )

Il formato della propria morte

Inserito da iopensa il Mar, 2008-01-15 10:00

Oggi è venuto l’impresario edile a metterci le transenne. Da quando abbiamo fatto il buco ho il terrore di caderci dentro. Fatico ad immaginare una morte più idiota. “Ma come è successo?” – bisbigliano al funerale. “Una tragica fatalità” – commenterebbe qualcuno. Una morte simile fatica a trovare compassione. Ti costruisci un buco per caderci dentro. Un po’ come Mengoni.

( categories: )

Back

Inserito da iopensa il Dom, 2008-01-13 10:00

Rientro a casa trionfale, tra buchi, imbianchino e macerie. Ho sempre creduto che la frase “vado sul cantiere” coincidesse con architetti e imprenditori edili immersi in cemento, camion, transenne e pilastri. Mi immaginavo condomini in costruzione: gru, masse di muratori con panini alla mortadella, malta. E invece parlano anche di casa mia. Casa mia! Basta un buco per fare un cantiere.

( categories: )

Notti

Inserito da iopensa il Gio, 2008-01-10 11:37

Ho passato la notte con un presidente della Turchia che non faceva altro che ripetermi quanto è bella Cipro. Mi sono svegliata senza più coperte.

( categories: )