in "Africa"

Articolo. Vestirsi in Africa. Percorso dal quotidiano all'alta moda

Inserito da iopensa il Gio, 2004-07-01 22:46

Versione originale di L’Africa in Passerella in “Africa”, n. 4, luglio-agosto 2004, pp. 38-41.

Articolo. Fotografi africani e Made in Africa

Inserito da iopensa il Sab, 2004-05-01 23:25

myriam-mihindou-reliquie-corpo-domestico.jpg

Versione originale di Quando l’Africa fa click in “Africa”, n. 3, maggio-giugno 2004, pp. 15-17.

Tempo di multimedialità, di ibridità, di polifunzionalità. Le sculture diventano ambienti, la pittura si mescola alla stampa, il suono prende forma. A questo punto non ci si può mica aspettare che la fotografia se ne stia buona buona in un angolo a fare la fotografia. Oggi la fotografia sfida le superfici, le contaminazioni, il tempo, la geografia e diventa semplicemente… arte. Milano, 20 marzo 2004.

Foto “Reliquie di un corpo domestico” di Myriam Mihindou.


Articolo. Il centro di Dakar: Pikine

Inserito da iopensa il Lun, 2004-03-01 12:00

Licenza Creative Commons
Il centro di Dakar: Pikine by Iolanda Pensa is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License.

Versione originale di Sulle strade di Pikine: La sorprendente periferia di Dakar in “Africa”, n. 2, marzo-aprile 2004, pp. 16-21.

Tre anni dopo “le elezioni del cambiamento” Abdoullaye Wade ed il suo Partito Democratico non sembrano aver cambiato molto. I giovani che hanno sostenuto il nuovo presidente sono delusi, ma esprimono le loro opinioni senza paura e si rimboccano le maniche. Sono giovani senegalesi, molti dei quali vivono a Pikine, l’immensa città satellite di Dakar che mostra tutta la miseria e i drammi del paese, ma anche il suo spirito d’iniziativa.

Articolo. I saluti in Senegal

Inserito da iopensa il Lun, 2004-03-01 12:00

Versione originale pubblicata come box di Sulle strade di Pikine: La sorprendente periferia di Dakar in “Africa”, n. 2, marzo-aprile 2004, p. 17.

In Selegal i saluti sono un rituale lungo e fondamentale.

Articolo. Vignette, strisce e fumetti: l’Africa tra fantasia e realtà

Inserito da iopensa il Gio, 2004-01-01 12:00

Versione originale di Dove parlano le matite: l’Africa dei fumetti tra fantasia e realtà in “Africa”, n. 1, gennaio-febbraio 2004, pp. 12-15.

Goorgoorlou è uno che si arrangia. Vive a Dakar, è padre di famiglia e passa il suo tempo a scovare occasioni e sistemi per sbarcare il lunario. Soldi, cibo e discussioni sono gli ingredienti della sua vita e delle sue disavventure, raccontate dal disegnatore T.T.Fons nel fumetto più celebre del Senegal.

Articolo. Pentole d’Africa

Inserito da iopensa il Sab, 2003-11-01 12:00

Versione originale di Pentole d’Africa – Virtù e curiosità di un oggetto povero ma vitale in “Africa”, n. 6, novembre-dicembre 2003, pp. 22-24.

Intorno ad una pentola c’è una famiglia. Le marmitte servono a trasportare l’acqua, a riscaldarla, a sterilizzarla; permettono di cucinare, ma anche di creare piccole attività redditizie. Nel mondo sono gli oggetti per eccellenza, i più comuni nelle case ed i più ambiti nella miseria. La loro produzione in alluminio è nelle mani degli uomini ed il loro uso nelle mani delle donne. Osservando l’acquisto, la fabbricazione e l’utilità di qualche casseruola, andiamo in Africa Occidentale.

Articolo. Bruxelles: arte contemporanea africana

Inserito da iopensa il Ven, 2003-10-31 12:00

Versione originale di L’arte africana a Bruxelles in “Africa”, n. 6, novembre-dicembre 2003, p. 9.

L’arte dell’Africa vive anche a Bruxelles, con mostre, gallerie specializzate, centri innovativi, artisti e designer.