Italia - Recensioni e materiale di ricerca

La Biennale di Venezia

Inserito da iopensa il Lun, 2006-01-02 10:59

Alice nel Paese delle Meraviglie

Inserito da iopensa il Gio, 2005-12-22 10:41

Mi piace tantissimo. Sto ascoltando la mattina Aldo Busi che legge Alice nel Paese delle Meraviglie su Radio 3. Si può ascoltare anche online. Le musiche poi sono perfette.

Mi domando se far ascoltare ad un bambino Alice nel Paese delle Meraviglie letto da Aldo Busi abbia gli stessi effetti collaterali che leggergli l’Apocalisse di San Giovanni.

Corenno Plinio

Inserito da iopensa il Lun, 2005-12-19 11:35
Corenno Plinio

La guida storica, turistica e fotografica di Corenno Plinio
a cura di Catherine de Senarclens, Michele Casanova e Giovannimaria Pensa.

Moshekwa Langa: retrospettiva degli ultimi due anni

Inserito da iopensa il Dom, 2005-11-06 10:37

Roma, Maxxi, 6 novembre 2005
I magari avrei preso il 35. Ma ho guardato bene: neanche un bollino rosso. Forse non sono riusciti a vendere niente.

Paolo Soleri

Inserito da iopensa il Dom, 2005-11-06 10:36

Roma, Maxxi, 6 novembre 2005
Me lo immagino in Arizona, davanti ad un tavolo di cinque metri mentre colora con i pastelli a cera navicelle spaziali, città seminterrate, barche che non si sa mai su fogli arrotolati, 8-10-12 metri di lunghezza. Secondo me sono cose che a Pavia non si potrebbero mai nemmeno immaginare. Ci vuole l’Arizona e una stanza dove mettere un tavolo di cinque metri. Straordinario. E straordinario anche l’allestimento (peccato solo che due dei cartelloni siano appesi così in alto da essere illeggibili e che – nonostante l’Arizona – non ci sia una scritta in inglese, tranne che il titolo).

Wolfgang Laib

Inserito da iopensa il Dom, 2005-11-06 10:35

Roma, Macro, 6 novembre 2005
Non immaginavo che il polline fosse così giallo. Un giallo bellissimo, acceso, come il sole che avrei voluto disegnare da bambina. Non sapevo nemmeno che il latte fosse così lucido. Brillante come una lastra di marmo.

La personale di Wolfgang Laib crea geometrie perfettamente imperfette. Con cilindri di riso che durante il giorno crollano piano piano. Una lastra di latte (3 litri e mezzo di latte fresco da versare ogni giorno in una ciotola di marmo bianco squadrata) sulla quale affondano dolcemente polvere e pelucchi. Un quadrato di polline spolverato e irregolare come zucchero a velo. Toccante.

I disegni Lisa Ponti

Inserito da iopensa il Dom, 2005-11-06 10:32

Roma, Galleria Nazionale di Arte Moderna.

Vorrei vivere dentro a un disegno di Lisa Ponti. Con i suoi abitanti coraggiosi, sorridenti, leggeri. Un mondo senza irritazione, cinismo, rassegnazione. Dove lo zampino del diavolo è una pennellata secchina, che dà solo un po’ di colore.
Gli amici di carta di Lisa Ponti toccano il cielo con un dito del piede, hanno le guance rosse come un bollino, sonnecchiano con le braccia dietro alla testa, puntano le dita e festeggiano ogni giorno un San Giorno e la primavera Spring. Sono angeli, adesivi o vermuccelli. Mi domando se disegnerebbe il picchiosauro – un’enorme creatura mezzo picchio e mezzo dinosauro che si nutre di insetti – o il rantolino – un animale peloso che vive in autostrada. Mi piacerebbe vivere con loro in un disegno di Lisa Ponti.