Italia - Recensioni e materiale di ricerca

Check List- Africa at the Venice Biennale (Mousse)

Inserito da iopensa il Gio, 2007-09-20 12:17

Iolanda Pensa, Check List in “Mousse”, 06/2007, cc by-sa.

“Finally, an African pavilion at the Venice Biennial!” – must have said prof. Carlo Anti and Aldobrandino Mochi while putting their compasses, goniometers and pendulums in their pockets. It was 1922 when the thirteenth Venice Biennial invited the public to enter the African pavilions.

Eighty-five years later, here we are again with the same desire to celebrate the “first” “African” pavilion in Venice.

Check List - L'Africa alla Biennale di Venezia

Inserito da iopensa il Mar, 2007-08-28 15:14

Iolanda Pensa, Check List in “Mousse”, 06/2007, cc by-sa. Versione originale dell’articolo.

Finalmente un padiglione dell’Africa alla Biennale di Venezia! – si devono essere detti i professori Carlo Anti e Aldobrandino Mochi, dandosi una pacca sulla spalla e rinfilandosi in tasca compasso e goniometro a pendolo. Era il 1922 e la tredicesima Biennale di Venezia invitava gli astanti a varcare la soglia del padiglione dei Paesi Africani.

Testo di Sindika Dokolo: arte, Triennale di Luanda e la collezione Sindika Dokolo

Inserito da iopensa il Mer, 2007-05-09 11:16

At present Africa faces the largest challenge in its long history – combatting underdevelopment; my anxiety about this stems from what appears to be a decrease in our individual self-confidence.

What is, I hope, only a temporary incapacity in finding a miraculous solution for the problems of our continent has created doubt and common feelings of guilt. We no longer dare to think, invent, decide our own future or demand a rightful place on the international stage. Our «underdevelopment complex» has provoked the emergence of self-censorship.

Passeggio con Khaled Hafez a Milano

Inserito da iopensa il Lun, 2007-05-07 19:55

E’ sempre divertente chiacchierare con Khaled. Mi racconta delle sue mostre, dei suoi progetti e mi aggiorna un po’ sulle nuove istituzioni che lavorano in Egitto, Al Cairo e Alessandria. – Gli artisti in Egitto pensano sempre che ci sia un complotto – mi spiega – anzi direi che la maggior parte della gente in Medio Oriente crede che dietro alla realtà si nasconda sempre un complotto. Un complotto fino a prova contraria. Qualsiasi cosa tu gli dica.

Fernando Alvim

Inserito da iopensa il Ven, 2007-04-06 19:14

- Pronto? Riconosci la mia voce?
Oddio, penso tra me e me, un altro giornalista senegalese incontrato ad una conferenza, di cui non so il nome, non so il cognome, non so nemmeno se fa veramente il giornalista, ma ho fatto il tragico errore di dargli il mio numero di telefono. Accidenti, chi l’avrebbe mai detto che mi avrebbe chiamato. Accidenti, finisco sempre per dare il mio numero di telefono a dei giornalisti alcolizzati. – Pronto? La mia voce non ti dice proprio niente?
Un suono cavernoso emerge dagli abissi. – Non ti dice niente? Luanda? Bruxelles?

Finalmente una piazza a Milano

Inserito da iopensa il Gio, 2007-04-05 14:53
Finalmente una piazza a Milano

di Robert Gligorov (galleria B&D). g. mi ha mandato il link.

Premio per curatori

Inserito da iopensa il Gio, 2007-04-05 14:38
Premio per curatori

Sembra un’iniziativa molto carina. Best Art Practices the first international Award for young curators http://www.bestartpractices.it.