I giovani di Douala, Camerun

Inserito da iopensa il Mar, 2004-03-23 00:05

yo-600.JPG

Il look

Pantaloni larghi e scivolanti verso il basso, scarpe da ginnastica enormi, collane e orecchini, mani in tasca, indumenti da giocatore di basket, slang anglofono e camminata al ritmo di un cool rap. La generazione YO’O di Douala è il ritratto della globalizzazione, quanto meno dal punto di vista del look.


Cosa interessa alla generazione YO’O

La rivista Afrique Magazine nel dossier “scoperta” di marzo 2003 traccia un ritratto della generazione YO’O di Douala.

I ragazzi YO’O di Douala sono descritti come giovani pieni di iniziativa, dinamici e volenterosi. Sognano guardando la TV di diventare musicisti o calciatori (il Camerun è celebre per la sua squadra dei Leoni Indomabili Lions Indomptables), ma anche di occuparsi di giornalismo, animazione, pubblicità, nuove tecnologie, moda o di inserirsi nel mondo dell’industria e degli affari.

giornale-parete-600.JPG

Douala è la città giusta, la più vivace economicamente del Camerun e dove tutti sono all’opera, come giardinieri, muratori, mototassisti, tuttofare, commercianti… La Maison des Jeunes et des Cultures – sostenuta dalla diocesi di Douala e dal COE – Centro Orientamento Educativo – cerca di supplire ad alcune lacune del sistema scolastico nazionale offrendo una biblioteca, un’emeroteca e una sala video e permettendo ai giovani di seguire dei corsi professionali o semiprofessionali di giornalismo, animazione, musica, teatro, danza, arti visive e sport. Il ragazzi del centro sono anche gli autori di un giornalino murale per il quale scrivono articoli e producono disegni e fotografie.


Un’altra realtà a Douala

“La generazione YO’O è la generazione liberata, la generazione che vive la vita fino in fondo, spontaneamente” – mi racconta la giornalista Danielle Nomba – “ma ora è finita anche quella, ora ci sono solo gli affari”. Il Camerun è uno dei paese più corrotti del mondo secondo l’organizzazione tedesca Trasparency International. “I giovani si interessano soltanto al futile, non all’essenziale” – continua Danielle Nomba – “la gente vuole solo mangiare, bere, comprare lo champagne, il fuoristrada e il livello dell’educazione intanto continua a rimanere basso”. Danielle Nomba è una giovane giornalista de “Le Messager” che si occupa in particolare di cultura; nel 2003 ha vinto il premio giornalistico di Reporters Sans Frontières con un articolo sulle tribù pigmee del Camerun.

Approfondimenti su i giovani di Douala, Camerun

Sul portale Cameroun-plus.com si possono guardare le ultime sfilate di moda.

Panorama

Per scoprire qualcosa di più sul Camerun
Per scoprire qualcosa di più sui mezzi di comunicazione in Camerun
Per scoprire qualcosa di più su libertà d’espressione e censura in Camerun
Per scoprire qualcosa di più su fumetto e vignetta in Africa
Per scoprire qualcosa di più su la rivista satirica camerunese “Le Popoli”