Intervista a Julien Jonker

Inserito da iopensa il Mer, 2006-10-04 09:00

Appunti presi durante l’intervista, Cape Town, 4 ottobre 2006

C‘è una questione centrale legata alla proprietà culturale. Chi si appropria del diritto di raccontare la storia, di tradurla. Six District Museum è un’istituzione culturale ma è anche una proprietà culturale. Si parla in termini di identità, di creolizzazione. E la proprietà culturale va letta in termini di educazione pubblica e di legittimità. La questione diventa ancora più complessa quando si cominciano ad affrontare questioni legate alla restituzione, il diritto di avere la propria casa come nel caso del quartiere Six District. Si toccano temi legati alla giustizia ma la realtà è che le possibilità di giustizia in questi casi sono limitate. Il museo si occupa anche di un altro tipo di restituzione, quella culturale. La restituzione culturale diventa così una questione collettiva, influenza concetti come l’idea di cittadinanza, di appartenenza, di identità. E ancora una volta emerge la questione di chi ha il diritto di rappresentare, di parlare, di raccontare. L’esclusività – che alla fine si collega al diritto di cittadinanza – pone altre questioni ancora, perché stabilisce dei confini, delle frontiere.
Esistono molte dissonanze e si tratta di una battaglia legale. I termini razziali non sono adatti, c‘è una questione di discendenza da considerare.