“Big Brother South Africa”

Inserito da iopensa il Mer, 2004-05-26 06:06

bba.jpg

“Big Brother South Africa”
Reality show e strategia mediatica

Paese: Sudafrica/Africa (e paesi africani anglofoni)
Ambito culturale: intrattenimento e popolare
Produttore: Endemol South Africa
Target: famiglia, giovani
Lingua: inglese
Tema in Glocal Youth: essere giovani
Prodotto per giovani

Versione panafricana del celebre reality show diffuso in tutto il mondo “Il Grande Fratello”. “Big Brother Africa” è un reality show che presenta in questa terza ma nuova edizione partecipanti da diverse nazioni dell’Africa e utilizza un’intera strategia mediatica per promuovere la sua visibilità (trasmissioni televisive, programmi di approfondimento, dibattiti/forum, canale consacrato 24 ore su 24, sito Internet, rivista, comunicati stampa).


1. Presentazione del caso studio

b. Documento

www.bigbrotherafrica.com

c. Proposta di analisi

1. Linguaggio

La caratteristica principale del Grande Fratello è essere non soltanto un programma televisivo ma un evento, che può essere promosso e comunicato in mille modi diversi. Il Grande Fratello produce e subisce il massimo di visibilità: attraverso filmati, registrazioni, comunicati stampa, interventi di commentatori, trasmissioni televisive e radiofoniche, siti, forum di discussione…

“Big Brother Africa” si inserisce in questa strategia di comunicazione introducendo la novità “Africa”: i partecipanti provengono da diversi paesi anglofoni del continente. Questa novità permette al programma di avere una risonanza nuova e maggiore e di produrre una ancora più vasta ed eterogenea documentazione mediatica. Oltretutto questa edizione – che è la terza prodotta in Sudafrica – mostra come il sistema televisivo satellitare sia largamente diffuso sul continente e come sia possibile per un programma avere un audience molto più vasto di quello nazionale.

La caratteristica linguistica principale di “Big Brother Africa” è banalmente l’uso dell’inglese. La scelta dei concorrenti, la produzione di documentazione e sua la diffusione e anche il legame con l’edizione del Grande Fratello Britannico (un concorrente dell’edizione Britannica del Grande Fratello è stato inviato a vivere nella casa africana così come un concorrente africano è vissuto nella casa inglese) dipendono dall’uso della lingua inglese, scelta non ovvia considerato che il Sudafrica ha un’immensa varietà linguistica.

Per fare soltanto qualche esempio alcuni canali comunicativi del Grande Fratello sono: – il sito ufficiale del Grande Fratello http://www.bigbrotherafrica.com/ – il quotidiano sudafricano “The Sunday Times” che ha tenuto una rubrica costante sulla casa del Grande Fratello (online su http://www.suntimes.co.za/lifestyle/bigbrother/) – le rubriche destinate al Grande Fratello della rivista della Zambia “Trendsetters” (vedi analisi) – il sito di “Independent Online” che ha seguito l’intera storia del “Big Brother Africa” su http://www.iol.co.za/ – sul blog di Tashi Tagg su http://www.tashitagg.co.za/tv/reality/bbafrica/articles/movesin.asp

2. Tecnologia

Per quanto riguarda la versione televisiva del “Big Brother Africa” il programma utilizza la stessa tecnologia a disposizione delle altre versioni nazionali del Grande Fratello. La peculiarità del “Big Brother Africa” è l’internazionalità del suo audience e la possibilità di essere pubblicizzato sui diversi media nazionali dei paesi in cui il programma viene visto grazie alla televisione satellitare.

Un’altra caratteristica peculiare del “Big Brother Africa” è la vastissima visibilità internazionale data dalla novità di avere dei partecipanti panafricani: il programma è stato recensito, discusso e criticato in moltissimi paesi del mondo.

“Big Brother Africa” ha avuto anche la capacità di creare dei personaggi/attori/eroi nazionali. Ancora oggi le riviste continuano a pubblicare notizie sui protagonisti che hanno partecipato all’edizione. Alla vincitrice del “Big Brother Africa” Cherise, la Zambia, ovvero il suo paese d’origine, le ha conferito un passaporto diplomatico; “We are proud to accord Cherise a diplomatic passport, as she is our ambassador” ha dichiarato Peter Mumba, segretario permanente del Ministero degli Interni – fonte: http://www.iol.co.za/). La ragazza ha anche incontrato l’ex-presidente del Sudafrica Nelson Mandela.

In altre parole il Grande Fratello ha la capacità di ottenere una vastissima e internazionale pubblicità gratuita ed un’immensa visibilità.

3. Tipologia

Il “Big Brother Africa” è la versione sudafricana del programma televisivo “Il Grande Fratello”, ovvero il celebre reality show che ha girato il mondo. La versione sudafricana – in questa sua terza edizione – ha la peculiarità di ospitare nella sua casa partecipanti provenienti da diversi paesi dell’Africa.

Tutti i reality show intitolati “Il Grande Fratello” ripetono sempre la stessa situazione: un gruppo di gente comune (ovvero gente che non lavora abitualmente nello spettacolo) vive in una casa filmata 24 ore 24 da numerosissime telecamere. I partecipanti non possono uscire dai confini dalla casa (che comprende minimo giardino e piscina), non possono incontrare persone diverse dai partecipanti al gioco, devono superare delle prove settimanali, vengono eventualmente premiati o punti e parlano da soli in uno sgabuzzino detto confessionale. Nel segreto dello sgabuzzino-confessionale i partecipanti nominano anche le persone che vogliono siano eliminate; il pubblico da casa vota poi chi preferisce salvare.

Protagonisti

I partecipanti all’edizione del Big Brother Africa erano 12, 7 ragazzi e 5 ragazze.

I ragazzi che hanno partecipato erano:
Gaetano di Kampala (Uganda), 30 anni, studente, single.
Zein di Blantyre (Malawi), 27 anni, manager di marketing per la ISP, single.
Stefan di Windhoek (Namibia), 22 anni, Forensic Psycho-Physiologist, ama il sushi ed è single.
Alex di Nairobi (Kenya), 21 anni, studente, single.
Mwisho di Morogoro (Tanzania), 22 anni, libero professionista, sta con una ragazza.
Sammi di Akropong Akwapim (Ghana), 28 anni, presentatore radiofonico, single
Bayo di Oturkpo (Nigeria), 28 anni, economista, Going Steady

Le ragazze che hanno partecipato erano:
Bruna di Luanda (Angola), 25 anni, modella, fidanzata
Warona di Gaborone (Botswana), 25 anni, video editor, sta con un ragazzo
Cherise (vincitrice del Big Brother Africa) di Kitwe (Zambia), 24 anni, Procurement Officer. Single.
Abby di Johannesburg and Durban (Sudafrica), 25 anni, Fraud Consultant, single
Tapuwa di Harare (Zimbabwe), 26 anni, impiegata nelle pubbliche relazioni, single uscente da una relazione di 5 anni.

Cosa è successo

Come in tutte le edizioni di tutti i paesi del mondo, durante il Grande Fratello non succede niente. Degli scenografi ingaggiati dalla produzione cercano di soffermare l’attenzione, attraverso un abile montaggio, su una pseudo-trama narrativa e cercano di dare importanza a tutti i più piccoli eventi: un bacio, una zummata su un sedere, una battuta maldestra, un seno che scappa via dal vestito durante la danza frenetica… La produzione fa di tutto per far succedere qualcosa (organizza gare, punizioni, l’arrivo di un concorrente inglese per una settimana nella casa africana…), ma in sostanza per più di tre mesi non succede praticamente niente.

L’ovvietà, la normalità e la banalità – con un briciolo di suspance (perché non si sa mai) – sono gli elementi chiave del Grande Fratello. La casa del “Big Brother Africa” è contrassegnata, come tutte le case dei diversi grandi fratelli nel mondo, da discussioni sul sesso, simpatie, antipatie, litigi, storielle d’amore e attese, lunghissime e interminabili attese (motivo pare per il quale il Grande Fratello ha un grandissimo successo tra i carcerati).

4. Rappresentazioni

Come la rivista vuole rappresentare i giovani

“Big Brother Africa” vuole dare l’impressione come tutti i reality show che i protagonisti dell’evento siano naturali e se stessi. Il gioco tra realtà (la casa è filmata 24 ore su 24) e finzione (di solito delle persone filmate 24 ore su 24 si comportano nei modi più strani) crea delle immagini di giovani: – ogni protagonista indossa un personaggio: c’è l’intrigante, il pigro, il buffone, l’irruente… ognuno acquista diventa nella casa del Grande Fratello la caricatura di se stesso – i protagonisti devono essere a tutti i costi “normali” proprio perché il pubblico deve avere la sensazione di identificarsi con loro ogni volta che li spia. Molti critici ed esperti di comunicazione hanno parlato del fatto che l’audience spia e allo stesso tempo sia spiato, perché si riconosce in quello che vede – tutto è studiato perché il panafricanismo non stigmatizzi le diversità nazionali – tutti i protagonisti si somigliano per creare l’immagine di un popolo africano di tutti i colori, di tutte le razze e di tutte le nazionalità che può convivere sotto lo stesso tetto

Come appaiono implicitamente i giovani

Implicitamente i giovani ritratti da “Big Brother Africa”: – sanno perfettamente che partecipare al Grande Fratello darà loro la notorietà – sognano di diventare star e aspettavano il loro momento di gloria – sono e si comportano da “eterni giovani” – sono meno “sessualmente disinibiti” rispetto ai protagonisti di altre edizioni del Grande Fratello

5. Produttore

La DStv che possiede i canali M-Net è la società televisiva che ha acquistato i diritti per la trasmissione “Big Brother Africa”, prodotta dalla società dalla Endemol South Africa .

http://www.bigbrotherafrica.com/

Finanziamenti

Il “Big Brother Africa” è un programma commerciale. Si finanzia attraverso la pubblicità e propone le immagini in diretta del programma sul canale televisivo a pagamento

DStv (http://www.dstv.com) possiede diversi canali tra i quali i canali M-Net, Channel O, Movie Magic, K World, Series and action TV.

M-Net (www.mnet.co.za) è la TV satellitare a pagamento che mette in onda il “Big Brother Africa”. M-Net ha canali di intrattenimento, film, sport e per bambini. M-Net produce anche lo sceneggiato “Egoli”. La sua società, la Electronic Media Network Limited, è stata creata in Sudafrica nel 1985 e ha oggi una diffusione di circa 1,23 milioni di abbonati in più di 40 paesi dell’Africa.

La compagnia MultiChoice è responsabile del servizio abbonamenti di M-Net (che comprende anche l’installazione ed il mantenimento dei decoders) e dei canali DStv (digital satellite).

6. Pubblico

Circa 25 milioni di spettatori per episodio. “Big Brother Africa” è stato trasmesso sulla televisione satellitare, molto diffusa nelle grandi città dell’Africa. Il programma è stato seguito da un pubblico anglofono.

Il programma è stato molto dibattuto e criticato. Le reazioni sono state delle più diverse. Il governo della Zambia ha consegnato il passaporto diplomatico alla vincitrice del programma, mentre il parlamento del Malawi ha condannato la trasmissione come immorale.

3. Testi di approfondimento

Nick Shepherd and Kathryn Mathers, Who’s watching Big Brother? Reality Television and Cultural Power in South Africa in “Africa e Mediterraneo”, n. 38, marzo 2002, pp. 67-69.

Chi ha realizzato “Big Brother Africa”

Il “Big Brother”, ovvero “Il Grande Fratello”, è stato creato dalla società produttrice Endemol ed è apparso per la prima volta in Olanda nel 1999 creando il genere della Reality Television. Nel febbraio del 2004 la Endemol ha anche lanciato il “Grande Fratello del Medio Oriente” (chiamato in arabo “Al Rais”, ovvero il capo) per il canale satellitare gratuito MBC2. Il programma – organizzato in Bahrein – doveva durare 70 giorni con 12 concorrenti provenienti da 12 paesi diversi del Medio Oriente.

Come ogni produzione televisiva di grandi dimensioni, il “Big Brother Africa” funziona con un sistema piuttosto complesso di società. Una società televisiva acquista i diritti per la trasmissione del programma: nel caso del “Big Brother Africa” si tratta della DStv che possiede i canali M-Net.
Un’altra società si occupa della produzione del programma: nel caso del “Big Brother Africa” si tratta della Endemol South Africa che fa parte della multinazionale olandese Endemol International (che ha inventto il fformat del grande fratello). Siccome però la Endemol South Africa non fa tutto da sola, al suo interno ci sono altre scatole, come per esempio la Underdog che si occupa dei contenuti (testi e video) e la M-WEB Business Solutions che si occupa della realizzazione del sito Internet della trasmissione.

Endemol South Africa (www.endemol.com) è la società che si è occupata di ogni aspetto della produzione del Big Brother Africa. La società appartiene alla Endemol International, al gruppo d’investimento locale nero KMM e ai dirigenti stessi della società.
Il programma è stato diretto da Moeletsi Mbeki e Chantal Sturkenboom (direttrice amministrativa) insieme ad un gruppo di numerosi responsabili. Questi ideatori sono gli stessi che hanno creato sotto contratto con Marula Pictures gli sceneggiati “Isidingo” (sul canale SABC) and “Backstage” (sul canale ETV).

Endemol ha sede in 18 paesi di 4 continenti: Olanda (sede centrale), Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Gran Bretagna, Stati Uniti, Argentina, Australia e Sudafrica. Nel 2000 il gruppo Endemol è stato comprato da Telefonica

Endemol Italia è stata creata nel 1989 con il nome Aran; nel 1998 è stata comprata dal gruppo olandese Endemol; è diretta dal presidente Marco Bassetti e dall’amministratore delegato Paolo Bassetti. Endemol Italia ha prodotto “Il Grande Fratello”, “Operazione Trionfo”, “Solidarity” (in programma per la Rai), “La Fattoria”, “Chi vuol essere miliardario”, “Stranamore”, “La prova del cuoco”, “Beato fra le donne”, gli sceneggiati televisivi “Vivere”, “Centovetrine”

Underdog (www.underdog.co.za) produce i contenuti (testi scritti e video) del sito Internet “Big Brother Africa” e del canale interativo DStv ed è un consulente sulle potenzialità dei mezzi di comunicazione incrociati, cross-media. La società è nata nel 1993 e lavora con clienti come Sasol, Endemol Entertainment South Africa e loveLife. La divisione interattenimento di Underdog produce film e contenuti per la televisione e i nuovi mezzi di comunicazione.

M-WEB Business Solutions (http://business.mweb.com) si è occupato della realizzazione tecnica del sito
Internet del “Big Brother Africa”.

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.

“suspance” è parola che non esiste in alcuna lingua: suspense è il termine internazionale.
ciao

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.